cassetti confusi

cassetti confusi
A SCUOLA DALLO STREGONE

venerdì 3 maggio 2013

COLLAGE CON L'UOMO DEGLI STRACCI


 Vecchi spartiti e qualche vecchia foto che insieme ad un racconto preso in prestito da un post (uno dei primi del 2010) del Buio e le Intenzioni, mi hanno dato la possibilità di proporre un collage di immagini, parole e musica di quegli anni.. 


Django Reinhardt - Crepuscule
    




Per tutta la durata del pranzo, il Maestro ci aveva, per così dire, intrattenuti, descrivendo la sua nuova fiammante protesi dentaria. A bocca aperta, continuava a mostrare quel miracolo della tecnologia sanitaria, che non si sa quanto gli fosse costato...”coccha, coccha qui: non chi move “ ..Nessuno di noi aveva avuto il coraggio di guardare.. Il Maestro, noto pianista di piano bar nei peggiori locali notturni di Firenze e dintorni, era anche noto per la sua taccagneria  e quella enorme spesa avrebbe occupato gran parte dei suoi pensieri e discorsi ancora per molto tempo…Ma, non so come, trovo’ un guizzo di generosità e ci invitò tutti a casa sua a Firenze, per il fine settimana. Avremmo mangiato e dormito da lui… L’appuntamento fu fissato per la mattina successiva alle 8.00 alla stazione di Porta Nuova – il treno partiva alle 8e30 – il tempo di munirsi di biglietto. Saremmo stati tutti lì puntuali (dovevamo essere in sette)…

La mia badante era anche badante di una anziana signora ex attrice del cinema muto. Forse aveva avuto un’avventura con uno dei fratelli Lumière (o entrambi)..Era comunque molto benestante ed abitava in un palazzetto alla “Crocetta”, splendido quartiere residenziale.
Quella notte la mia badante, improvvisò per me una sfilata indossando gli abiti di scena custoditi dentro un grande armadio di legno nero, uno dei tanti dentro quella grande casa vuota, dove si ascoltava ancora musica da vecchi spessi dischi di vinile  attraverso un grammofono modello anni '20…
Il giorno dopo arrivai di corsa alla stazione alle 8e35 giusto in tempo per salire sul treno e partire. A quell’ appuntamento mi presentai da solo, non c’era nessun altro... A Firenze non trovai nemmeno il Maestro, che nel frattempo aveva deciso di andare  dalla sua donna a Berlino…
[Mr. Hyde memories]
Django Reinardt - Dinah



28 commenti:

Ambra ha detto...

Questa fusione tra una sgradevole esibizione dentaria, una scena teatrale notturna d'altri tempi e la desolazione dei mancati incontri, con musica di sottofondo in sintonia completa, lasciano un po' di amaro, in bocca, appunto.

mr.Hyde ha detto...

Ah ah, non c'era l'amaro in bocca in quegli anni eravamo abituati a queste situazioni come quella finale, del tipo : "ragazzi ci si trova alle ore x in tal posto, mi raccomando puntuali tutti, mentre poi alla fine ognuno si perdeva dietro le proprie cose".Se hai visto la parte finale di 'Ecce Bombo' di Moretti, succede che una moltitudine di amici decide di andare a trovare una ragazza in crisi, lasciata dal fidanzato o marito,poi finisce che l'unico che non doveva andare , si tova li da solo a consolarla..
(A Firenze pero' conoscevo altre persone che mi ospitarono..)

Zio Scriba ha detto...

Una piccola perla geniale!!
Complimenti sinceri, dall'amico e da uno dei pochi scrittori italiani superstiti... :-))))
Un abbraccio.

m4ry ha detto...

Caro amico rubo le parole allo Zio..questo post è una perla..mi capita di arrivare qui da te e perdermi..non so spiegarti, ma mi sento risucchiata..mi estraneo per un po' da ciò che mi circonda e viaggio con la mente..in effetti, questo sottofondo musicale mi sposta assai indietro nel tempo, così come le tue parole e le foto, in particolare quella con il nudo di donna..
Mi piace tutto ! Grazie davvero.
Buona giornata e un abbraccio sincero :)

Adriano Maini ha detto...

Un racconto con i fiocchi che é già sceneggiatura per un film!

mr.Hyde ha detto...

Che sei un caro amico questo è sicuro e ti ringrazio per i complimenti. Aggiungo che mi fa moolto piacere ed onore il tuo giudizio da scrittore italiano mio preferito! Un abbraccio anche a te!

Evil Monkeys ha detto...

Quanta passione qui dentro!!

mr.Hyde ha detto...

Grazie a te.. cosa dirti? mi fa tanto piacere sentire queste parole..
Come ho detto altre volte sono contento quelle volte che racconto una storia e chi la legge si trova calato nell'atmosfera che ho appositamente creato, vuol dire che sono riuscito a comunicare, ad un livello superiore alle sole parole. Stessi risultati li otterrebbe, ad esempio, il mio amico zio Scriba, senza tanto contorno. Tutta sostanza.Infatti questa è la differenza fra me ed uno scrittore che è Scrittore(come altri amici che ho il piacere di ospitare nel mio blog).
Un grosso abbraccio anche a te e, per ricambiare ti do' i link (front e retro) dell'immagine, per intero, del nudo - grazia, bellezza ed eleganza non facilmente riscontrabili nell'iconografia attuale - cui ti riferisci (è una cartolina di auguri di ..Buon Natale!).

http://www.divshare.com/download/24066850-aec
http://www.divshare.com/download/24066836-a42

mr.Hyde ha detto...

E' un racconto, ma è molto vicino a quello che è successo! Pero' come sceneggiatura di un film non sarebbe male. Grazie Adriano!

mr.Hyde ha detto...

Eh Eh, lettura attenta e sensibile, Evil. Un caro saluto e grazie!

m4ry ha detto...

Grazie per i link..è meravigliosa l'ho appena vista...

p.s. scrivi molto bene..fidati ;)

mr.Hyde ha detto...

Oh bene, pensavo che divshare facesse dei problemi..Si, devo vedere se riesco a trovare il libro"Nude 1925" di Morgan and Morgan.

p.s. grazie, sei gentile.

magar ha detto...

un sottile velo di malinconia pervade questo scritto...
Bello !!!
ciao brother

mr.Hyde ha detto...

Un po' è malinconia, un po' me la rido pensando ai matti che ho conosciuto e con cui ho condiviso avventure divertenti.
Grazie amico mio!

Cirano ha detto...

come diavolo fai a miscelare musica, ricordi e letteratura!??!?!

mr.Hyde ha detto...

Fanno tutto loro.Io non c'entro. Sono così indissolubilmente legati che, chiamando in causa l'uno ,arriva l'altro... Si miscelano da soli! Un abbraccio.

nella ha detto...

Hai assistito a una insolita sfilata personale con tanto di accompagnamento musicale...
Tutto sommato non è stata una cattiva idea...
Sempre racconti pervasi di fascino, i tuoi Mr Hyde, te ne ringrazio di cuore!
Un caro abbraccio.

mr.Hyde ha detto...

Grazie a te Nella, per le gentili parole. Un abbraccione.

Roscio ha detto...

Solito collage equilibrato ed evocativo. Un post "totale" da incorniciare. Ciao

mr.Hyde ha detto...

Ciao Roscio, Grazie!

Berica ha detto...

Visitare questo blog è entrare in un'oasi di bellezza.

Grazie Hyde!

mr.Hyde ha detto...

Che gentili parole: grazie a te Berica!

Irriverent Escapade ha detto...

Ho pensato giusto al finale di Ecce Bombo mentre, sorridendo, leggevo il finale del tuo racconto...quanti appuntamenti organizzati nel minimo dettaglio si sono persi nell'approssimazione di ognuno di noi.
Al limite del grottesco l'immagine del maestro e della sua protesi nuova fiammante.
Delizia d'antan la sfilata per una persona sola.
E che bella la luce aranciata, quasi di antico abat jour velato che si profonde sul collage di ricordi....

mr.Hyde ha detto...

Il maestro era un dispettoso provocatore:aveva tirato fuori apposta, il maledetto, questo discorso a tavola..Ma un po' tutti giocavamo in questo modo.Era un gara al peggio, ed evito di raccontarti le varie repliche!
Per quanto riguarda la sfilata, fu una cosa improvvisata, divertente ed intrigante.Molto gradita..
Ciao e grazie della visita!

Ernest ha detto...

davvero bello
un saluto

mr.Hyde ha detto...

Grazie e un caro saluto anche a te.

Alligatore ha detto...

Racconto surreale e senza tempo, come la musica e le immagini che hai scelto.

mr.Hyde ha detto...

..a volte la linea di confine tra reale e surreale diventa sottile, specie se nei racconti i particolari diventano protagonisti e il ricordo li deforma..
Ciao!